I donatori sono un Dono speciale

Il 7 e l’8 ottobre 2017 a Lucca

 Giornata Nazionale A.I.D.O.

In 1.500 piazze di tutta Italia due giorni di sensibilizzazione

 Un Anthurium per l’informazione

 

Si rinnova l’appuntamento “Un Anthurium per l’informazione”, la campagna di sensibilizzazione sulla donazione organi promossa da A.I.D.O. – Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule, che sarà presente con i suoi volontari nelle principali piazze italiane, sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre.

Dal 1973 A.I.D.O., insieme agli oltre 1 milione e 350 mila soci, si batte affinché la cultura dell’informazione e della sensibilizzazione sul tema della donazione si diffonda in maniera corretta e possa portare ad una scelta che in moltissimi casi significa donare la vita. Per questo motivo la campagna di questa edizione ha come sottotitolo “I donatori sono un dono speciale”.

 

I dati dei primi mesi del 2017 indicano, infatti, un aumento di trapianti del 15% rispetto all’anno precedente che era già stato un anno record: nel 2016 sono state 3.694 le persone trapiantate che hanno potuto continuare a vivere grazie alla scelta solidale di un  donatore.

 

Però non si può dimenticare che oltre 9.000 sono i pazienti ancora in lista di attesa.

 

A questo scopo da anni A.I.D.O. si impegna a diffondere con diverse modalità le informazioni corrette sui trapianti: attraverso la giusta comunicazione sui media, informando i cittadini attraverso la Giornata Nazionale di sensibilizzazione, con la proposta dell’Anthurium, mettendo a disposizione un numero verde, organizzando incontri nelle scuole per far conoscere ai ragazzi l’importanza della donazione come dovere morale e sociale di ogni cittadino.

 

A.I.D.O. è impegnata affinché i cittadini maggiorenni italiani esercitino il diritto-dovere di manifestare la propria volontà, operando insieme con le Istituzioni civili nell’ambito sociale, sanitario e culturale affinché possano rispondere alle esigenze delle persone in attesa di trapianto.

Infatti A.I.D.O. collabora assiduamente e si confronta con il Ministero della Salute (attraverso il Centro Nazionale Trapianti), il Ministero della Difesa, il Ministero dell’Università e della Ricerca  e con il vasto mondo della sanità in Italia: Ospedali, USSL/ATS, e tanto altro.

 

«Oggi viviamo un bel momento di risveglio delle coscienze e di maggiore sensibilità da parte dei legislatori, del sistema sanitario e degli operatori del sociale – afferma la dott.ssa Flavia Petrin, Presidente A.I.D.O. Nazionale. Però quelle 9.000 persone che ogni anno rimangono in lista d’attesa senza una risposta ci interpellano in modo silenzioso ma forte. Non possiamo fare finta di non sentire le loro richieste di aiuto.

Essere favorevoli alla donazione di organi e tessuti non è solo un gesto di solidarietà, ma anche una scelta giusta. Non dimentichiamo che ognuno di noi o un nostro caro potrebbe avere bisogno un giorno del trapianto. L’essere favorevoli alla donazione permette di aumentare gli organi disponibili e garantire in futuro, a chiunque ne avesse bisogno, la possibilità di ricevere un dono prezioso».

 

L’impegno di A.I.D.O., che l’anno prossimo festeggerà i 45 anni di attività, è cercare di essere presente in tutte le occasioni possibili per far arrivare il messaggio ai 40 milioni di cittadini maggiorenni che non hanno ancora fatto una scelta di vita.

 

Perché dire di sì alla donazione vuol dire

SCEGLIERE LA VITA

 

Per informazioni e domande sull’Associazione è attivo da lunedì a sabato il numero verde: 800 736 745 .

Print Friendly
Pubblicato in Aido Lucca, Aido nazionale, Eventi, Le altre sedi | Lascia un commento

AIDO Lucca: 43 anni di storia. E oggi? Una lettera aperta per i soci di AIDO

Cari soci,

scrivo la presente lettera aperta a voi tutti perché il momento che la nostra Sezione Territoriale sta vivendo è veramente drammatico e pertanto, spero che, attraverso queste righe, qualcuno possa coglierne tutta la drammaticità e farsi avanti per il bene dell’associazione alla quale apparteniamo e portare una soluzione al problema che di seguito specificherò con una breve cronistoria.

La Sezione Provinciale Territoriale di Lucca dell’AIDO è stata fondata il 14 marzo 1978 e iscritta al Registro Regionale delle associazioni di volontariato.

Un articolo di giornale che testimonia la nostra storia

Da subito, interpretando alla lettera lo statuto associativo ha preso contatti con i dirigenti delle strutture ospedaliere presenti sul territorio di appartenenza ed è diventata, man mano che il tempo trascorreva, importante riferimento sulle tematiche relative alla donazione e trapianto di organi a scopo terapeutico.

La sezione Provinciale di Lucca ha assunto nel panorama locale, regionale e nazionale un ruolo di primo piano, è stata una delle prime, se non la prima, ad attuare il prelievo di cornee a domicilio dei soci deceduti, anche grazie alla splendida collaborazione del personale sanitario dell’Ospedale di Lucca, il quale, su nostra richiesta, ad ogni ora del giorno e della notte ha effettuato prelievi di cornee a domicilio, incentivando così l’attività di trapianto, consentendo a tanti pazienti di rimanere per breve periodi in liste di attesa.

Ha contribuito alla costituzione nel 1996 del primo coordinamento alla donazione presso la nostra azienda sanitaria nelle persone dei medici Moreno Marcucci e Sergio Ardis, dopo che questi continuamente stimolati, si erano recati in Spagna, per studiare il Metodo Spagnolo.

Da questo atto ha preso vita il Coordinamento Regionale e la Regione Toscana ha emanato la legge regionale che norma la materia della donazione e trapianto di organi.

Ormai la macchina era in moto e il Parlamento, rivedendo la legge 644/75 ormai obsoleta, emanò la 91/99 che attualmente regola la materia.

A livello associativo, regionale e nazionale, i dirigenti della nostra Sezione hanno assunto cariche istituzionali importanti.

Quindi si può tranquillamente affermare che nella storia della donazione e trapianto di organi e in generale in quella associativa, la sezione Provinciale di Lucca ha assunto un ruolo di indubbio valore.

Oggi, purtroppo, l’AIDO lucchese sta vivendo un momento che non esito a definire drammatico.

Nel 2016 si sono regolarmente tenute le elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo, lo Statuto associativo vigente non consente di ripresentare la propria candidatura a chi ha ricoperto la Presidenza per due mandati consecutivi.

Io, avendo appunto mantenuto la Presidenza per due mandati, ho dovuto passare la mano, la scelta è caduta su una socia del Gruppo Comunale di Porcari, la quale, dopo un breve periodo di tempo, ha dovuto rassegnare le dimissioni per gravi motivi.

Ho ripreso per un breve periodo la Presidenza come ponte, fino a che non si fosse trovata una soluzione, ma lo Statuto, in modo inflessibile, ha impedito questa alternativa e pertanto la Sede Regionale in data 14 maggio 2017 ha commissariato la Sezione Provinciale Territoriale di Lucca, nominando il sottoscritto Commissario per il tempo di tre mesi, rinnovabile una sola volta ai sensi dell’art.14 punto 6 dello Statuto.

In questo tempo ho il compito di riunire i Consigli Direttivi della mia zona di competenza (ex asl2 di Lucca) e cercare di ricostruire il Consiglio Direttivo, ma soprattutto trovare il Presidente, cosa questa risultata fino ad ora impossibile, tanto da provocare il commissariamento della Sezione Provinciale.

Pertanto, attraverso questa lettera aperta, mi rivolgo a tutti voi, cari soci, affinché qualcuno, valutata la nostra storia, voglia farsi avanti per dargli il giusto seguito.

Vi ricordo che se il mio tentativo al termine del periodo previsto, non dovesse ottenere il successo desiderato, saremo costretti a dichiarare decaduta la Sezione Provinciale territoriale di Lucca, cancellando così 40 anni di sforzi di quanti nel tempo hanno creduto alla bontà del messaggio che il dono degli organi emana: salvare delle vite e consentire a persone colpite da gravi malattie d’organo di tornare a vivere una vita normale.

Se qualcuno volesse prendere contatti con l’associazione, magari per proporsi alle cariche associative o avere maggiori informazioni, di seguito fornisco i relativi contatti:

Fruzzetti Vinicio, Commissario: 320 – 1181340, email: lucca.provincia@aido.it
Facebook: Aido Lucca; www.aidolucca.it

Spero che questa lettera aperta possa indurre a quanti la leggeranno un pizzico di curiosità e magari, pensando a quello che Lucca potrebbe perdere, proporsi per aiutarmi a risolvere questo grave problema.

Attendo fiducioso un cenno da chiunque abbia a cuore la sorte della nostra associazione sul territorio al quale apparteniamo e cordialmente saluto.

Fruzzetti Vinicio,
Commissario
AIDO Lucca

                                                                                                                                

 

Print Friendly
Pubblicato in Aido Lucca | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

SERVIZIO CIVILE CON AIDO

La Sezione Provinciale di Lucca è alla ricerca di 2 ragazze/i che abbiano voglia di confrontarsi con le tematiche legate al dono e alla solidarietà!
L’Associazione Italiana Donatori di Organi è presente in Italia da più di 40 anni e, a Lucca, è fortemente radicata nel territorio, svolgendo attività di sensibilizzazione attraverso eventi, manifestazioni e svolgendo incontri con i ragazzi delle scuole.
Il Servizio Civile con AIDO è utile per chiunque voglia approfondire, a livello sanitario, le tematiche legate alla donazione di organi, anche attraverso corsi di formazione specifici; le mansioni riguardano poi aspetti amministrativi dell’Associazioni oltreché la gestione della comunicazione attraverso mail e social network.

C’è tempo fino al 26 giugno per fare domanda, consulta il sito del Centro Nazionale del Volontariato o contatta il nostro ufficio al 320 1181340.

Print Friendly
Pubblicato in Aido Lucca, Eventi | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Per salvare una vita non servono superpoteri: basta una firma.

Il 28 maggio si è svolta la Giornata Nazionale della Donazione. La giornata aveva lo scopo di favorire la conoscenza e la sensibilizzazione della popolazione riguardo tutto ciò che concerne la donazione. Al nostro stand erano presenti, oltre ai volontari della nostra Associazione e ai rappresentanti di Admo Lucca e Lega Italiana Fibrosi Cistica, i medici del Coordinamento Donazione dell’Azienda Toscana Nord-Ovest, pronti a rispondere alle domande tecniche riguardanti la donazione di organi e tessuti, e a descrivere il percorso assistenziale che consente ogni anno di salvare la vita di centinaia di persone gravemente malate.

L’Azienda USL Toscana Nord-Ovest contribuisce in maniera significativa alle donazioni di organi per i pazienti in lista di attesa in Toscana e in Italia: nel primo trimestre del 2017 sono stati 11 i pazienti deceduti nelle rianimazioni che sono stati donatori di organi, tre in più rispetto allo stesso periodo del 2016.

Per altri quattro pazienti deceduti non è stato possibile proseguire con la donazione per opposizione dei familiari, una possibilità assolutamente legittima quando è frutto di una scelta consapevole. Spesso però, i familiari che si oppongono lo fanno anche per mancanza di conoscenza del reale pensiero del loro congiunto e nel dubbio preferiscono non consentire la donazione. Motivo per cui è bene decidere autonomamente e in modo informato e consapevole del destino dei propri organi una volta che saremo deceduti. E, ovviamente, è fondamentale comunicare le nostre scelte alla nostra famiglia.

In queste ultime ore, tra l’altro, dalla nostra città arriva un altro straordinario gesto di generosità, con una nuova donazione di organi da parte di una signora ultraottantenne, che aveva lasciato detto al marito di donare in caso di morte: le è stato prelevato il fegato, che è già stato trapiantato ad un’altra persona.

La Giornata della Donazione è pensata proprio come occasione per riflettere su questa tematica. 

Ricordiamo che in Toscana la volontà di ognuno di noi può essere registrata presso il Centro Nazionale Trapianti sia attraverso l’Azienda Sanitaria, sia attraverso le anagrafi comunali che aderiscono al progetto Una Scelta in Comune, e, ovviamente, registrandosi all’AIDO compilando il form che trovate a questo link, inviandolo o consegnandolo al nostro ufficio in Via Cesare Battisti n°2, Lucca (presso la Misericordia di Lucca).

Per finire ci teniamo a ringraziare Parpignol, che, con la sua ludoteca itinerante ha portato in piazza i giochi in legno di qualità, animando la piazza e portando al nostro stand lucchesi e turisti!

Print Friendly
Pubblicato in Aido Lucca, Aido nazionale, Eventi | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Verso il 28 maggio: Giornata Nazionale della Donazione e del Trapianto di Organi e Tessuti.

Il 28 maggio si terrà a Lucca, come nelle principali piazze italiane, la Giornata della donazione e trapianto di organi e tessuti, giornata indetta dal Ministero della Salute, insieme alle Associazioni e al Centro Nazionale Trapianti, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica.

Un evento il cui scopo è la sensibilizzazione alla donazione, ma anche promuovere una costante presa di responsabilità delle Istituzioni per rispondere ai bisogni dei cittadini in attesa di trapianto di organi.
Con il nostro stand, che sarà presente in Piazza San Michele per tutta la giornata di domenica 28 maggio, saremo presenti per dare informazioni a chiunque lo richiederà, cercando di incrementare le segnalazioni dei possibili soggetti candidati al prelievo.

Il messaggio della giornata, intrinsecamente legato alla donazione di organi, trova ulteriore realtà e forza dai tanti trapiantati che, ritrovando normalità di vita, sono potuti diventare madri e padri felici. Ciò a significare, anche a consolazione dei familiari dei donatori, che la donazione del proprio corpo dopo la morte può non solo salvare molte vite minacciate o limitate da gravi malattie, ma è un gesto che permette di contribuire a dare un nuovo impulso alla vita.

Ad animare la giornata sarà poi il Ludobus, il Bus carico di giochi di una volta, tutti in legno, con i quali grandi e piccini potranno divertirsi e passare un po’ del loro tempo insieme a noi di AIDO.

Ci vediamo domenica in Piazza San Michele!

 

 

Print Friendly
Pubblicato in Aido Lucca, Aido nazionale, Eventi | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

AIDO al Festival del Volontariato

Nella splendida cornice di Palazzo Ducale si è svolto anche quest’anno il Festival del Volontariato, organizzato dal Centro Nazionale del Volontariato insieme alle Associazioni. 

RICOSTRUIRE, il filo conduttore ell’evento. Una ricostruzione non solo simbolica: la ricostruzione post-terremoto si estende a tutte le grandi e piccole macerie del nostro Paese. Ricostruire i legami e le relazioni che plasmano le comunità operose, i territori, le pratiche resilienti.

Al centro il Presidente della Sezione Comunale di Lucca Vinicio Fruzzetti

Ed è qui che si inserisce il volontariato, è un modo di vivere la vita sociale, di dare un senso concreto alla democrazia.

Anche AIDO ha partecipato all’evento, con un suo personale stand informativo, con i volontari del Servizio Civile nelle AIDO di Lucca, Viareggio, Livorno e Pisa impegnati a dare informazioni a chiunque ne abbia fatto richiesta.

Grande successo anche per il nostro aperitivo, organizzato da AIDO in collaborazione con AIS – Associazione Italiana Sommelier e AILA – Associazione Italiana Latto Intolleranti.

 

Print Friendly
Pubblicato in Aido Lucca, Aido nazionale, Eventi, Media | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Festival del Volontariato!

12÷14 maggio 2017
Festival Italiano del Volontariato
Palazzo Ducale e piazze del centro, Lucca

Dalla prima edizione del 2011, il Festival Italiano del Volontariato ha visto la consacrazione come evento di riferimento nazionale per il mondo della solidarietà e dell’impegno civile. “Ricostruire” è il filo conduttore del programma culturale dell’edizione 2017. La suggestione della ricostruzione post-terremoto si estende a tutte le grandi e piccole macerie del nostro Paese: ricostruire i legami e le relazioni che plasmano le comunità operose, i territori, le pratiche resilienti.

Il volontariato è, in questo senso, un paradigma valoriale di ricostruzione del Paese: un modo di vivere la vita sociale, di dare un senso concreto alla democrazia. La ricostruzione quindi, come mappa cognitiva, come rigenerazione costante, come risposta alle sfide più urgenti. L’urgenza di ricostruire: come il Centro Italia ferito dai terremoti dei mesi scorsi, tutto il Paese che tenta di riprendersi dalle crisi economiche e sociali ha bisogno di ricostruzione.

L’appuntamento è a Lucca, a Palazzo Ducale e nelle piazze del centro, da venerdì 12 a domenica 14 maggio. Quella del 2017 è la settima edizione del Festival: un evento nazionale che solo negli ultimi 4 anni, da quando si svolge nel centro storico di Lucca, ha superato le 100.000 presenze.

La proposta del tema per il prossimo Festival – spiega Edoardo Patriarca, presidente del Centro Nazionale per il Volontariatosi polarizza attorno al concetto della ricostruzione. Siamo partiti dal collegamento più suggestivo, quello con la fase due del dopo sisma in Centro Italia, per poi estendere il concetto alla ricostruzione dei legami e delle relazioni che formano le comunità operose, i territori che tengono, le pratiche resilienti. Questo è il messaggio che lanceremo all’Italia”.

Il volontariato – aggiunge Patriarca – è, in questo senso, un paradigma valoriale di ricostruzione del Paese: un modo di vivere la vita sociale, di dare un senso concreto alla democrazia. I volontari e le loro organizzazioni sono i protagonisti del Festival, ma la sua ottica inclusiva e contaminante declina storie ed esperienze diverse come emblemi per la ricostruzione del tessuto sociale. I protagonisti saranno ancora le organizzazioni del terzo settore: il Festival è un cantiere aperto alle proposte e iniziative di tutti coloro che vogliono farlo crescere”.

Print Friendly
Pubblicato in Aido Lucca, Aido nazionale, Eventi | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

La Toscana è capitale della donazione!

 

Lo spettacolo

E’ la Toscana la regione con il più alto tasso di donatori di organi in Italia. Il dato viene confermato dal Report sull’attività di donazione e trapianto in Italia, realizzato a cura del Centro Nazionale Trapianti, e presentato nei giorni scorsi mattina al ministero della salute.

“Quella che arriva dal Report del Centro Nazionale Trapianti è un’ulteriore conferma di quanto già sapevamo – è il commento dell’assessore al diritto alla salute Daniela Scaramuccia – Il sistema donazione e trapianto della Toscana è ai vertici nazionali. Questo risultato conferma l’ottimo livello di programmazione, gestione e organizzativo-operativo che la Rete regionale toscana, nel suo insieme, ha saputo raggiungere e innovare, così da mantenere e migliorare i risultati nel tempo. In Toscana le donazioni aumentano, nonostante la progressiva riduzione dei decessi con lesione cerebrale nelle unità di terapia intensiva. Merito di una migliore organizzazione, finalizzata alla ottimizzazione dell’utilizzo delle risorse e delle eccellenti professionalità che compongono il sistema donazione/trapianto”.

Il tasso di donazione (numero di donatori per milione di popolazione) della Toscana è stato costantemente superiore rispetto al dato medio nazionale fin dal 2002. Nel 2011, il tasso di donatori effettivi (40,2 p.m.p.) è risultato doppio rispetto alla media nazionale (19,7 p.m.p.). Rispetto al 2010, nel 2011 la Toscana ha registrato un +17 per quanto riguarda il numero di donatori utilizzati: 108 nel 2010, 125 nel 2011.

“Il sistema donazione e trapianto regionale toscano, grazie anche alla consolidata generosità dei cittadini è ai vertici nazionali – dice Giuseppe Bozzi, coordinatore regionale dei trapianti – e la Toscana è la prima regione d’Italia per tasso di donazione per milione di abitanti, e di conseguenza garantisce ai pazienti in lista di attesa l’opportunità terapeutica trapiantologica in tempi inferiori rispetto a quelli medi nazionali. Questo fatto, di per sé rilevante in termini sociali, è anche indice di una buona e consolidata organizzazione della rete donazione/trapianto e del Sistema Sanitario Regionali in generale, che gratifica giustamente tutti i professionisti e le associazioni che ne sono parte essenziale. L’eccellenza del dato ha recentemente trovato spazio anche nel Rapporto Mondiale annuale (2011) sui Trapianti redatto dal dottor Rafael Matesanz, direttore dell’Organizzazione Nazionale Trapianti spagnola (la massima autorità in tema di donazione e trapianto) il quale ha testualmente dichiarato, nel presentare il rapporto, che “se tutte le regioni fossero come la Toscana, l’Italia sarebbe il Paese al mondo con il maggior numero di donatori di organi””.

E’ del settembre scorso il riconoscimento del Consiglio d’Europa, sulla base del Rapporto mondiale sui trapianti, dal quale la Toscana risultava essere regione leader in fatto di trapianti, quella in cui il rapporto tra donatori d’organi e abitanti risultava essere il più elevato rispetto a quello nazionale. Il Rapporto presentato al ministero conferma questo primato. “Il mio grazie per questi ottimi risultati – dice ancora Daniela Scaramuccia – va prima di tutto ai toscani, che anche in questo settore dimostrano grande generosità; ma anche alle associazioni, e al Centro regionale trapianti coordinato dal dottor Bozzi, che sta gestendo al meglio, in una logica di rete, l’attività delle strutture di prelievo e trapianto di organi, tessuti e cellule su tutto il territorio regionale”.

In Toscana, i tempi di attesa medi stimati per i pazienti in lista continuano ad essere inferiori rispetto a quelli medi nazionali: rene: 2 anni e mezzo in Toscana, 3 la media nazionale; fegato: 6 mesi in Toscana, 2 anni media nazionale; cuore: 15 mesi in Toscana, quasi 2 anni e mezzo media nazionale; polmone: poco meno di un anno in Toscana, 1.8 anni la media nazionale; pancreas: 2 anni e mezzo in Toscana, oltre 3 anni media nazionale.

Per promuovere e celebrare i positivi dati, la Regione Toscana ha istituito un tavolo, il Tavolo del Dono, al quale siedono numerose associazioni che si occupano di donazioni, tra cui AIDO, e ha stanziato un fondo per promuovere le attività delle associazioni.

Noi abbiamo utilizzato questo fondo per organizzare, lo scorso 28 aprile, uno spettacolo insieme alla Compagnia Teatrale Le Formiche, “Notte da Jellicle“, che ha avuto un grande successo.
Lo spettacolo, tratto dal celebre musical Cats, è stato apprezzato dal pubblico, che si è dimostrato entusiasta; ma, per noi di AIDO, è stata un’occasione per parlare di donazione, dei successi della Regione Toscana nell’ambito dei trapianti e per invitare i presenti ad aderire all’AIDO con una semplice firma o tramite comunicazione all’anagrafe in occasione del rinnovo della carta di identità.

Grazie a tutti per aver partecipato e per aver dimostrato la generosità toscana ancora una volta!   18221742_287275788388964_4678532036838576421_n

Print Friendly
Pubblicato in Aido Lucca, Eventi | Lascia un commento

10.000 TRAPIANTI DI CORNEA: un traguardo importante raggiunto grazie alla generosità delle famiglie dei Donatori

Il giorno 30 gennaio nell’Auditorium della Banca del Monte si è tenuto un incontro pubblico per celebrare  il significativo traguardo dei 10.000 trapianti di cornea effettuati grazie al lavoro incessante della Banca delle Cornee di Lucca.

Questo incontro pubblico ha permesso di stilare un bilancio dell’attività svolta in questo settore a livello regionale, per continuare insieme un percorso di grande rilevanza e civiltà.

La Banca delle Cornee di Lucca che è centro di riferimento regionale, con il trasferimento al nuovo Ospedale “San Luca” ha ulteriormente migliorato la qualità del servizio.
Erano presenti all’incontro oltre al Direttore generale dell’Azienda U.S.L. 2 di Lucca Joseph Polimeni, il Dottor Claudio Giannarini Responsabile della Banca delle Cornee di Lucca, il Dottor Alessandro Nannicosta Coordinatore Nazionale Trapianti, il Dottor Davide Camposanpiero Presidente Società Italiana Banche degli Occhi (SIBO), il Professor Marco Nardi Responsabile del Comitato Scientifico Cornea della Regione Toscana , il Dottor Torre in rappresentanza della Divisione Oculistica dell’Azienda U.S.L. 2 di Lucca, Dottor Adriano Peris Coordinatore Regionale Trapianti, la Dottoressa Dalila Ascareggi Responsabile Coordinamento Donazioni Organi e Tessuti dell’Azienda U.S.L. 2 di Lucca, Federico Finozzi Presidente Regionale A.I.D.O. Toscana e Vinicio Fruzzetti Presidente Provinciale A.I.D.O. Lucca.

Tutti i relatori hanno ripercorso il cammino di questi anni citando nomi che hanno fatto la storia della donazione  e trapianto nella nostra città, ma particolarmente e soprattutto hanno tenuto a ringraziare le famiglie dei donatori che generosamente hanno acconsentito in un momento della loro vita estremamente triste a donare un organo o un tessuto del loro caro a chi ne aveva bisogno, dando ad altre persone una nuova e fondamentale occasione e una migliore qualità della vita.

Print Friendly
Pubblicato in Aido Lucca | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

A.I.D.O. e COOP

24 gennaio 2015

Nell’ambito della collaborazione con le varie realtà del territorio, il Gruppo Comunale di Lucca ha effettuato una giornata di sensibilizzazione sulle tematiche della donazione presso il Centro Coop di Sant’Anna in collaborazione con la Sezione Soci.
Lo scopo della postazione era di incontrare cittadini per informarli sulla possibilità di iscriversi alla nostra Associazione e su ciò che esso comporta.

 

Print Friendly
Pubblicato in Aido Lucca | Contrassegnato , | Lascia un commento